Blockchain: UE in ritardo, serve regolamentazione

BLOCKCHAIN: UE IN RITARDO, DALL’ITALIA L’APPELLO: «SERVE
REGOLAMENTAZIONE, VOGLIAMO ESSERE PROTAGONISTI»

Istituzioni comunitarie a confronto sui gap da colmare per cogliere vantaggi e sfide della tecnologia Blockchain durante la presentazione al Parlamento Ue del libro “Cripto-Svelate” scritto dagli imprenditori Andrea e Massimo Tortorella Consulcoin Cryptocurrency Fund: primo fondo europeo regolato al mondo, in collaborazione con Mashfrog SpA, una delle principali aziende nell’industria fintech Consulcesi Tech e Link Campus University lanciano il Master in “Blockchain ed Economia delle criptovalute”

BRUXELLES. «Serve certezza del diritto per dare la possibilità a questa tecnologia di svilupparsi» spiega l’eurodeputata Eva Kaili, autrice della risoluzione sulla Blockchain recentemente approvata dal Parlamento Ue, durante la presentazione a Bruxelles del libro “Cripto-Svelate. Perché da Blockchain e monete digitali non si torna indietro” (Paesi Edizioni) di Andrea e Massimo Tortorella.
I due imprenditori, rispettivamente CEO di Consulcesi Tech e Presidente di Consulcesi Group, hanno incontrato anche il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, per portare all’attenzione delle massime istituzioni comunitarie la volontà dell’Italia di essere protagonista di questo nuovo paradigma digitale.
Ulteriori ritardi, però, metterebbero a rischio la capacità dell’Ue di diventare l’hub di riferimento a livello mondiale per la Blockchain.

«In Europa abbiamo atteso troppo, adesso dobbiamo recuperare velocità per arrivare primi al mondo» sottolinea l’europarlamentare Andreas Schwab, membro della Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori, tra i relatori della presentazione di “Cripto-Svelate”.
«Qui in Europa abbiamo sentito una chiara volontà da parte del Presidente del Parlamento europeo e dalla Commissione di regolamentare la materia del Fintech. Il mondo sta andando verso una regolamentazione del mercato» dichiara Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi Group.
«Siamo qui per ribadire che anche l’Italia è presente, – conclude Andrea Tortorella, CEO di Consulcesi Tech – più che di ritardo parlerei di una forte volontà di essere protagonista da parte del nostro Paese. Ogni Stato deve contribuire a definire le regole del gioco di questa tecnologia».

È notizia recente, infatti, l’approvazione, da parte dell’Autorità di Vigilanza del Settore Finanziario di Malta, della licenza per la costituzione di ConsulCoin Cryptocurrency Fund. Primo esempio di fondo di investimento regolato in Europa su criptovalute e tecnologia Blockchain, è stato creato proprio grazie a Consulcesi Tech, società hi-tech negli ambiti della Blockchain e della Cybersecurity, nata come spin-off di Consulcesi Group, realtà europea dedicata ai professionisti del settore medico sanitario, con un’esperienza decennale nei servizi tecnologici, finanziari, legali e assicurativi. Tra gli esperti coinvolti spiccano: Core Asset Management SA, società con oltre 20 anni d’esperienza nella
gestione patrimoniale in Svizzera; Aurum Trust & Finance SA, Family Office indipendente svizzero con una vasta esperienza in consulenza, innovazioni finanziarie e strategie di gestione del patrimonio; Mashfrog SpA, una delle principali aziende nell’industria fintech con una grande expertise nella generazione di Token blockchain e nella realizzazione di smart contract che ha lanciato la prima ICO europea dei RoboAdvisor. Inoltre, Consulcesi Tech, in collaborazione con la Link Campus University di Roma, a breve inaugurerà un Master in “Blockchain ed Economia delle criptovalute”. Si tratta del primo corso post-laurea sul tema in tutta Europa, e si potrà pagare utilizzando le monete digitali.

Blockchain nel mondo del lavoro

Festa Nazionale UDC, Andrea Tortorella (Consulcesi Tech): «Blockchain nel mondo del lavoro, rivoluzione già in atto»

«La Blockchain è destinata a rivoluzionare il rapporto tra pubblico e privato e soprattutto il mondo del lavoro, perché è materia di politica industriale, di investimenti economici, di modernizzazione di un Paese e di competitività sui mercati esteri. La Blockchain, per l’organizzazione aziendale, è una rivoluzione già in atto».
Così Andrea Tortorella, Ceo di Consulcesi Tech e autore del libro “Cripto-Svelate.  Perché da Blockchain e monete digitali non si torna indietro”, intervenuto alla Festa Nazionale dell’UDC in corso a Fiuggi. «Attraverso la Blockchain, selezione dei candidati, valutazione dei curricula, verifica dei dati, certificazione delle
qualifiche, stesura dei contratti di lavoro attraverso ‘smart contracts’ e pagamento dei dipendenti – elenca Tortorella – diventano processi automatizzati, semplici, sicuri. Tutto ciò non in un ipotetico domani: il futuro del lavoro è già qui tra noi, e a Consulcesi Tech ci stiamo già lavorando».
«Le nuove tecnologie hanno già cambiato il mondo del lavoro: dopo l’industria 4.0 – spiega Tortorella – anche il settore terziario non sarà più lo stesso. Tutto ciò non ci deve spaventare: l’unica scelta sensata è quella di abbracciare l’innovazione, che non rappresenta lo spettro di nuove diseguaglianze tra i lavoratori, – conclude – ma è anzi destinata a migliorare in generale la vita di tutti noi, anche attraverso l’applicazione della Blockchain al settore della solidarietà e della charity».

Blockchain: così salverà il Made in Italy in tavola e la nostra salute

Il besteller ai vertici delle classifiche “Cripto-Svelate. Perché da Blockchain e monete digitali non si torna indietro” affronta il tema della sicurezza alimentare e dell’anti-contraffazione dei prodotti Made in Italy

Andrea Tortorella, autore del libro e CEO di Consulcesi Tech: «Con la Blockchain la filiera alimentare diventa completamente tracciabile: ‘parmesan’ e ‘mozzarille’ costano al nostro Paese 65 miliardi di euro ogni anno ma la tecnologia renderà impossibile ingannare i consumatori»

“Parmesan” e “mozzarille” addio, il futuro della tracciabilità alimentare è già qui e si chiama Blockchain. Il fenomeno dell’italian sounding, ovvero l’utilizzo denominazioni geografiche, immagini e marchi che evocano l’Italia in prodotti che, però, di Made in Italy non hanno proprio nulla, costa al nostro Paese 65 miliardi di euro ogni anno. Un problema tornato di grande attualità proprio in questi giorni anche nel dibattito politico con il CETA, l’accordo di libero scambio con il Canada, che ha riacceso le polemiche sulla necessità di proteggere il
“made in” dalle imitazioni oltreoceano.
La soluzione, però, esiste: «Con la tecnologia Blockchain la filiera alimentare diventa completamente tracciabile, identificando ogni singolo prodotto con un codice univoco a cui associare qualsiasi informazione, dalla provenienza delle materie prime utilizzate, fino al modo in cui i prodotti sono stati trasportati prima di arrivare sugli scaffali dei supermercati» spiega Andrea Tortorella, CEO di Consulcesi Tech e autore del libro “Cripto-Svelate. Perché da Blockchain e monete digitali non si torna indietro” insieme a Massimo Tortorella, Presidente del Gruppo Consulcesi.
Il volume, edito da Paesi Edizioni, è già un bestseller primo nelle classifiche “Ingegneria e Informatica” di IBS e “Macroeconomia” di Amazon, e affronta in maniera approfondita l’argomento perché poter tracciare l’origine, la filiera di produzione, trasformazione e distribuzione di un determinato prodotto alimentare, non solo tutela il Made In Italy ma anche la nostra salute. «Pensiamo, ad esempio, a chi soffre di celiachia – sottolinea Andrea Tortorella – grazie alla Blockchain è possibile sapere se un prodotto in apparenza innocuo è stato trasportato insieme ad altri prodotti a base di farine tradizionali; stesso discorso vale per il settore biologico, del chilometro zero, delle certificazioni DOP: sarà tutto verificabile, valorizzando le imprese virtuose e i loro prodotti, contrastando frodi alimentari che possono aver ripercussioni anche serie sulla nostra salute. Per questo siamo già in campo con la nostra expertise maturata grazie alla storia più che ventennale del Gruppo Consulcesi in ambito medico sanitario».